Attualmente è in corso La 78ª edizione della Mostra internazionale d’arte cinematografica di Venezia, ospitata come di consueto presso il Lido di Venezia. La Mostra è iniziata il 1º settembre e terminerà l’11.
La direzione artistica di questa edizione è stata affidata ad Alberto Barbera e organizzata dalla Biennale presieduta da Roberto Cicutto.
Il film d’apertura è statoMadres Paralelasdi Pedro Almodóvar che racconta la storia di due donne madrilene, entrambe single, e rimaste incinte per errore, che si trovano a partorire lo stesso giorno nel medesimo ospedale: Janis, di mezza età, consola la più giovane Ana, spaventata per il futuro, e le parole che scambia con lei in quelle ore in un anonimo corridoio d’ospedale finiranno per cambiare la vita di entrambe in maniera inaspettata. Nella giornata di chiusura verrà proiettato  Il bambino nascosto di Roberto Andò.

La madrina di questa edizione della Mostra del cinema di Venezia è Serena Rossi.

In concorso

America Latina, regia di Damiano e Fabio D’Innocenzo (Italia, Francia)

Un autre monde, regia di Stéphane Brizé (Francia)

Il buco, regia di Michelangelo Frammartino (Italia, Germania, Francia)

La caja, regia di Lorenzo Vigas (Messico, Stati Uniti d’America)

Il collezionista di carte (The Card Counter), regia di Paul Schrader (Stati Uniti d’America, Svezia)

Competencia oficial, regia di Mariano Cohn e Gastón Duprat (Spagna)

È stata la mano di Dio, regia di Paolo Sorrentino (Italia)

L’Événement, regia di Audrey Diwan (Francia)

Freaks Out, regia di Gabriele Mainetti (Italia, Belgio)

Illusioni perdute (Illusions perdues), regia di Xavier Giannoli (Francia)

Kapitan Volkogonov bežal, regia di Natal’ja Merkulova e Aleksej Čupov (Russia, Francia, Estonia)

The Lost Daughter, regia di Maggie Gyllenhaal (Israele, Stati Uniti d’America)

Madres paralelas, regia di Pedro Almodóvar (Spagna) – film d’apertura[2]

Mona Lisa and the Blood Moon, regia di Ana Lily Amirpour (Stati Uniti d’America)

On the Job 2: The Missing 8, regia di Erik Matti (Filippine)

Il potere del cane (The Power of the Dog), regia di Jane Campion (Regno Unito, Australia, Nuova Zelanda, Canada)

Qui rido io, regia di Mario Martone (Italia, Spagna)

Spencer, regia di Pablo Larraín (Cile, Germania, Regno Unito)

Sundown, regia di Michel Franco (Messico, Francia, Svezia)

Vidblysk, regia di Valentyn Vasjanovyč (Ucraina)

Żeby nie było śladów, regia di Jan P. Matuszyński (Polonia, Francia, Repubblica Ceca)

Fuori concorso troviamo i seguenti lungometraggi: 

Ariaferma, regia di Leonardo Di Costanzo (Italia)

Il bambino nascosto, regia di Roberto Andò (Italia) – film di chiusura

Les Choses humaines, regia di Yvan Attal (Francia)

Dune, regia di Denis Villeneuve (Stati Uniti d’America)

Halloween Kills, regia di David Gordon Green (Stati Uniti d’America)

The Last Duel, regia di Ridley Scott (Regno Unito, Stati Uniti d’America)

Old Henry, regia di Potsy Ponciroli (Stati Uniti d’America)

Scene da un matrimonio (Scenes from a Marriage), regia di Hagai Levi – miniserie TV, 5 puntate (Stati Uniti d’America)

La scuola cattolica, regia di Stefano Mordini (Italia)

Ultima notte a Soho (Last Night in Soho), regia di Edgar Wright (Regno Unito)

Cortometraggi in concorso

Descente, regia di Mehdi Fikri (Francia)

Don’t Get Too Comfortable, regia di Shaima Al-Tamimi (Yemen, Emirati Arabi Uniti, Stati Uniti d’America, Paesi Bassi)

Fall of the Ibis King, regia di Josh O’Caoimh e Mikai Geronimo (Irlanda)

La Fée des Roberts, regia di Léahn Vivier-Chapas (Francia)

Heltzear, regia di Mikel Gurrea (Spagna)

Los huesos, regia di Cristobal León e Joaquín Cociña (Cile)

Kanoyama, regia di Momi Yamashita (Giappone)

Mulāqāt, regia di Seemab Gul (Pakistan)

Pid pokati mai, regia di Sorayos Prapapan (Thailandia)

Techno, Mama, regia di Saulius Baradinskas (Lituania)

Tǒu shēng, jīdàn, zuòyè běn, regia di Luo Runxiao (Cina)

Il turno, regia di Chiara Marotta e Loris Giuseppe Nese (Italia)

Alcuni premi sono già stati conferiti, in particolare il Leone d’oro alla carriera a Roberto Benigni, che ha dedicato la vittoria alla moglie Nicoletta Braschi, suscitando la commozione di tutte le personalità in sala e non, e Jamie Lee Curtis

Un altro prestigioso premio, il Premio Jaeger-LeCoultre Glory, è stato conferito al regista Ridley Scott.