Per approfondimenti puoi visita il sito ufficiale di Moderna

Mai come in questo periodo storico scienziati e case farmaceutiche di tutto il mondo stanno portando avanti lo stesso proggetto. Nei laboratori di tutto il pianeta ormai da mesi si lavora giorno e notte per realizzare un vaccino anti – Covid. Ad oggi solo 12 sono i vaccini che sono arrivati alla fase 3, la fase più avanzate per ottenere l’approvazione. Ma facciamo un passo inditetro, cosa si intende per fase 3?

Nonostante la forte pressione esercitata dalla nuova onda della pandemia e le grandi aspettative del mondo, la messa in commercio e l’utilizzo di un vaccino richiedono sempre uno studio rigoroso. Prima della sperimentazione cliniche ogni progetto segue infatti un inter molto rigorso in laboratorio che solitamente dura dai 3 ai 5 anni. Superati i vari passaggi di questo iter inzia quella la vera e propria sperimentazione clinica sull’uomo. Questa parte viene divisa in 3 frasi, in base al modello sperimentale adottato, la quantità di componente somministrata e la numerosità di popolazione coinvolta.

La frase 3, salita agli onori della cronca la prima volta con il vaccino russo che è stato immesso in commercio saltando questo passaggio e di cui si è tornati a parlare in questi giorn, è quella in cui il vaccino viene somministrato ad un numero elevato di volontari allo scopo di valutare la reale funzione preventiva del vaccino stesso.

L’iter di approvazione di un vaccino

Ed ecco il motivo per cui la scorsa settimana i mercati e le borse di tutto il mondo hanno aperto al rialzo e si è inziato a parlare di un ritorno alla normalità per l’estate del 2021:

Pfizer e BioNTech hanno annunciato il 9 Novembre che il risultato del vaccino che stanno mettendo a punto in collaborazione ha un’efficacia del 90% contro k’infezione da Covid-19. Le due aziende sono perciò pronte a chiedere nel corso di questa settimana o al più tardi alla fine del mese l’auotorizzazione d’emergenza al Food and Drug Administration per la messa in commercio e la somministrazione su scala mondiale.

Non si è fatto attendere molto il comunicato di Moderna che ha annunciato che l’efficacia del suo vaccino è addirttura superiore al 94%. Inoltre, sembrerebbe stando alla comunicato effettuato dall’azienda, che questo vaccino rispetto a quello di Pfizer e BioNTech sia più facile da conservare. Infatti, rispetto al precedente, il candidato vaccino dovrebbe rimanere stabile a temperatura standard di refrigerazione tra il 2° e gli 8° per 30 giorni.

Grande soddisfazione da parte di Fauci che dichiara  “Dati straordinari, è un grosso passo avanti”.


Per ulteriori info clicca qui o chiama il 1254