Per approfondimenti puoi visitare la pagina del Governo o contatta il numero 06 67793848

Nel nuovo Dpcm approvato dal Governo sono contenute misure specifiche per la limitazione della diffusione del contagio da Covid-19. Il provvedimento, tra l’altro, prevede il numero massimo di 6 persone a tavola al ristorante, lo smartworking per le aziende e lo stop a fiere locali e a convegni.

Nel dettaglio i principali punti del Dpcm:

SCUOLA E UNIVERSITA’ 
La principale novità è l’adozione della didattica a distanza per le superiori, mentre fino alle medie è confermata quella in presenza. Per i licei e degli istituti tecnici le lezioni inizieranno non prima delle 9 e l’orario delle lezioni sarà distribuito tra mattina e pomeriggio. Le elezioni degli organi collegiali saranno effettuate a distanza. Per quanto riguarda l’università ad ogni ateneo è lasciata la scelta della modalità di lezione, anche in considerazione dell’andamento dei contagi sul territorio.

BAR E RISTORANTI
Tutte le attiivtà di ristorazione (bar, pub, ristoranti, gelaterie, pasticcerie) saranno consentite dalle 5 fino alle ore 24 con consumo al tavolo, e con un massimo di sei persone per tavolo. In assenza di possibilità di consumazione al tavolo la chiusura è prevista per le ore 18. Consentita la consegna a domicilio o da asporto, con divieto di consumazione all’esterno del locale. Restano invariati gli orari e le modalità di accesso e consumazione degli autogril

SPORT
Stop gli sport dilettantistici, sia individuali che per quelli di squadra, fatte salve le competizioni di interesse nazionale o regionale dal Comitato olimpico nazionale italiano, dal Comitato italiano paralimpico e dalle rispettive Federazioni sportive nazionali, o organizzate da organismi sportivi internazionali.
La capienza degli stadi potrà essere al 15% del totale ma comunque non oltre il numero massimo di 1.000 spettatori all’aperto e di 200 al chiuso. Stop anche al calcetto tra amici, ovvero a tutte le gare di squadra di carattere ludico-amatoriale.

FIERE E CONVEGNI
Si fermano le sagre e le fiere locali mentre restano consentite le manifestazioni fieristiche di carattere nazionale e internazionale, previa l’adozione dei protocolli validati dal Comitato tecnico-scientifico. Sospesi anche convegni e congressi, fatta eccezione per quelli che si possono tenere con modalità a distanza.

MOVIDA
Viene rimessa alla decisione dei sindaci la responsabilità di chiudere vie e piazze a partire dalle 21, se troppo frequentate e dunque luoghi di assembramento. Le sale giochi potrenno restare aperte dalle 8 alle 21.

SCUOLA GUIDA
Le lezioni di pratica potranno essere sospese su base regionale, a seconda della curva dei contagi sullo specifico territorio.


Per ulteriori info clicca qui o chiama il 1254