Per approfondimenti puoi visitare la pagina del Governo o contatta il numero 06 67793848

L’andamento della curva epidemica del Covid e il conseguente rischio di sovraffollamento degli ospedali ha spinto il Governo a varare ulteriori misure restrittive contenute del nuovo Dpcm che sarà in vigore dal 5 novembre al 3 dicembre.
Nel provvedimento sono indicate tre aree con altrettanti scenari di rischio con misure progressivamente più restrittive. La prima fascia comprende le Regioni “rosse” a rischio alto, nella seconda fascia ci sono le Regioni “arancioni” a rischio medio. La terza fascia “gialla” includerà invece tutto il territorio nazionale per le restanti Regioni.

La misura principale riguarda il “coprifuoco”, valido su tutto il territorio nazionale dalle 22 alle 5: sono consentiti esclusivamente gli spostamenti motivati da comprovate esigenze. Per il resto della giornata è fortemente raccomandato di non spostarsi con mezzi di trasporto pubblici o privati.

Prevista la didattica a distanza per le scuole superiori e in presenza per scuole elementari e medie ma con uso obbligatorio delle mascherine. Nelle zone rosse la didattica in presenza è consentita solo per materne, elementari e fino alla prima media. Mascherina obbligatoria a scuola per i bambini delle elementari e delle medie, anche quando sono seduti al banco.

Smart working ai massimi livelli possibili, sia nella pubblica amministrazione che nel settore privato.

Sono disposte le chiusure delle medie e grandi strutture di vendita nelle giornate festive e prefestive, ad eccezione di farmacie, punti vendita di generi alimentari, tabacchi ed edicole.

Nelle zone rosse e arancioni sarà sospesa l’attività di bar, pub, ristoranti, gelaterie e pasticcerie, 7 giorrni su 7. Resterà consentita la sola ristorazione con consegna a domicilio, nonché fino alle ore 22 la ristorazione con asporto. Esclusivamente nelle zone rosse, inoltre, saranno sospese le attività commerciali al dettaglio e i mercati, con l’eccezione di edicole, tabaccai, farmacie e parafarmacie. Ed anche parrucchieri e barbieri; chiusi i centri estetici.

Sul fronte mobilità, previsto coefficiente di riempimento massimo del 50% sui mezzi pubblici del trasporto locale e del trasporto ferroviario regionale. Nelle zone rosse e arancioni sarà vietato ogni spostamento in entrata e in uscita dal territorio, salvo che per comprovate esigenze lavorative o situazioni di necessità ovvero per motivi di salute o di studio, nonchè ogni spostamento con mezzi di trasporto pubblici o privati, in un comune diverso da quello di residenza.

Sono sospese le crociere, le mostre e servizi museali e anche tutti i concorsi pubblici, a esclusione di quelli per personale sanitario.
Nelle zone rosse sospese le attività sportive anche svolte nei centri all’aperto, sarà consentito svolgere individualmente attività motoria in prossimità della propria abitazione con almeno la distanza di un metro da ogni altra persona e con obbligo di mascherina.


Per ulteriori info clicca qui o chiama il 1254