Ci ha lasciato ieri, 24 Novembre per un’arresto cardiorepiratorio la “Mano di DIo”.

Diego Aramando Maradona uno dei personaggi più discussi e controversi degli ultimi anni è morto all’età di 60. Conosciuto dagli appassionati e non come la “mano di Dio” per il contestatissimo gol durante i Mondiali dell 1986 contro l’Inghilterra, Maradona nel bene e nel male ha sempre fatto parlare di sé.

Considerato uan vera e propria leggenda vivente ha militato per anni nel campionato italiano, portando il Napoli a vincere due scudetti. E’ proprio Napoli oggi, insieme alla sua nazione l’Argentina, piage il suo amato figlio adottivo. Già è stato proposto di intitolare a questo genio del calcio moderno lo Stadio San Paolo come atto di gratitudine di una città che non l’ha mai dimenticato.

Al mondo non esisteva sportivo che godesse di una popolarità così trasversale e intraplanetaria come lui. Genio indisucco sul campo sarà ricordato anche per la sua vita privata fatta di scandali e sregolatezze.

Commosso il ricordo di Pelé: “Un giorno giocheremo insieme in cielo”


Per ulteriori info clicca qui o chiama il 1254