Secondo i ricercatori della Columbia University Vagelos College of Physicians and Surgeons lo stress psicologico è collegato all’ingrigimento dei capelli, ma se ridotto o eliminato, il processo biologico può essere interrotto o addirittura invertito.

I ricercatori hanno scoperto che il processo sembra reversibile riducendo o eliminando lo stress che ne ha provocato l’ingrigimento, generando la crescita di nuovi capelli dal pigmento naturale. La scoperta, secondo gli autori dello studio, fornisce nuovi dati al “numero crescente di studi che dimostra che l’invecchiamento umano non è un processo biologico lineare e fisso, ma può, almeno in parte, essere interrotto o addirittura temporaneamente invertito”.

“Proprio come gli anelli in un tronco d’albero contengono informazioni sui decenni passati nella vita di un albero, – afferma Martin Picard, Professore associato di medicina comportamentale alla Columbia University Vagelos College of Physicians and Surgeons -, i nostri capelli contengono informazioni sulla nostra storia biologica e potrebbero fornire nuovi indizi sul processo di invecchiamento e su come questo viene influenzato dallo stress. “Quando i peli sono ancora sotto la pelle come follicoli sono soggetti all’influenza degli ormoni dello stress e di altri eventi che accadono nella nostra mente e nel nostro corpo”.

“Dividere i capelli per indagare la loro pigmentazione – dichiara Ayelet Rosenberg, prima autrice dello studio e studentessa nel laboratorio di Picard – ha sviluppato un nuovo metodo per catturare immagini altamente dettagliate di minuscole porzioni di questi e quantificare l’entità di pigmento perduta (ingrigimento): ogni porzione rappresenta circa un’ora di crescita dei capelli”.
I ricercatori hanno analizzato i singoli capelli di 14 volontari. I dati raccolti sono stati, poi, correlati al “diario dello stress” di ciascuno volontario, a cui è stato chiesto di rivedere i propri calendari e valutare il livello di stress di ogni settimana. Dall’analisi sono emerse associazioni sorprendenti tra stress e ingrigimento dei capelli e, in alcuni casi, un’inversione dell’ingrigimento con la scomparsa dello stress. “C’era un individuo che è andato in vacanza, al suo rientro cinque capelli erano tornati scuri”.

Per capire meglio come lo stress provoca i capelli grigi, i ricercatori hanno anche misurato i livelli di migliaia di proteine nei capelli e come i livelli di proteine sono cambiati lungo la lunghezza di ciascun capello.
Mutamentii in 300 proteine si sono verificati quando il colore dei capelli è cambiato, e i ricercatori hanno sviluppato un modello matematico che suggerisce che i cambiamenti indotti dallo stress nei mitocondri potrebbero spiegare come lo stress fa ingrigire i capelli. “Sentiamo spesso che i mitocondri sono le centrali elettriche della cellula, ma non è l’unico ruolo che svolgono”, dice Picard. “I mitocondri sono in realtà come piccole antenne all’interno della cellula che rispondono a una serie di segnali diversi, incluso lo stress psicologico”.

Ridurre lo stress nella vita dovrebbe essere un obiettivo di tutti, ma la sua eliminazione non riporterà necessariamente i capelli al colore originario. “Sulla base dei nostri modelli matematici, pensiamo che i capelli debbano raggiungere una soglia prima che diventino grigi”- afferma Picard. “Nella mezza età, quando i capelli sono vicini a quella soglia a causa dell’età biologica e di altri fattori, lo stress li spingerà oltre la soglia e diventeranno grigi. Ma non pensiamo – conclude – che ridurre lo stress in un 70enne possa rendere scuri i suoi capelli grigi oramai da anni, o aumentare lo stress in un bambino di 10 anni possa rendere i suoi capelli grigi”.

Fonte: Today.it