Dopo l’estate, un taglio netto è sempre l’opzione più valida per dare nuova vita ai capelli e limitare i danni del sale e del sole.
Nel caso in cui non si volesse rinunciare alla lunghezza o ai riflessi conquistati al sole, ecco di seguito i consigli da seguire per evitare il temuto taglio netto.

A fine estate, i nostri capelli hanno bisogno di trattamenti specifici: maschere e oli idratano in profondità e restituiscono brillantezza e vigore. Pigmenti e tonalizzanti illuminano i riflessi naturali senza coprirli, mentre la classica spuntatina elimina la parte più danneggiata.

Le maschere sono gli alleati più validi per reidratare i capelli danneggiati: possono essere applicate sui capelli asciutti o sui capelli bagnati. L’importante è trovare il tempo per dedicarvisi, aumentando i minuti di posa rispetto al resto dell’anno. Fatte a distanza di 15-20 giorni l’una dall’altra, le maschere offrono un’ottima resa nei primi due mesi post rientro. L’importante, come in tutte le cose, è la continuità. Prendervi del tempo per curare i vostri capelli vi garantirà una chioma folta e lucente nel lungo periodo.

Per i capelli sottili e poco folti potrebbe capitare che anche la cute sia abbronzata e magari secca.
In questo caso si può fare una oil therapy, un trattamento 100% naturale a base di oli diversi: argan, cocco o aloe sono tra i più gettonati. Segnaliamo anche un trattamento all’olio di borragine: un’esperienza cocoon che ricorda il rito dello shirodara. L’olio si scalda, viene messo in un contenitore e poi versato sulla cute fino alle punte, accompagnando il tutto con un massaggio molto rilassante.

Sui capelli colorati, si può tranquillamente procedere con un ritocchino alla radice. Le parti della capigliatura più danneggiate generalmente sono lunghezza e punte. In questo caso, si crea una base perfetta per poi giocare con un tonalizzante, al fine di mantenere le schiariture ottenute naturalmente con l’estate. Unica raccomandazione: non toccare le lunghezze, anche per evitare reazioni indesiderate e un risultato pasticciato. Dopo l’estate, ricordiamo che il colore va scelto di un mezzotono più chiaro rispetto a quello abituale, per evitare stacchi decisi “effetto goleador“.

La prevenzione comunque rimane sempre la tecnica più efficace. Sono molti infatti i prodotti in commercio che aiutano a prevenire i danni causati dal sale e dal sole. Bastano tre prodotti essenziali: «uno shampoo con protezione UV, da usare anche tutto l’anno, un conditioner, anche da sciacquare solo con l’acqua, e uno spray protettivo, da usare anche più volte al giorno», spiega Marco Di Maio del salone La Prima di Milano, affiliato La Biosthétique. «A casa, maschera arricchita con olio di jojoba, acido ialuronico e argan in gocce, più un «impacco di forbice», la classica spuntatina, che spesso è necessario per eliminare la parte più rovinata, di solito le punte».

Fonte: Vanity Fair