Per maggiori informazioni visita il sito del Mef o contatta il numero 06476111

Il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha firmato il decreto ‘Ristori-bis’. Il provvedimento rappresenta un’integrazione alle prime misure previste per dare un aiuto economico alle principali attività penalizzate dalle restrizioni previste per il contenimento del contagio.
Il decreto è destinato soprattutto alle imprese delle zone rosse e arancioni costrette alla chiusura totale o parziale dell’attività e vale 2,56 miliardi nel 2020 e circa 1 miliardo nel 2021.

Il provvedimento prevede la sospensione dei contributi previdenziali per le aziende danneggiate, l’estensione dei beneficiari dei contributi a fondo perduto aumentato di un ulteriore 50 % e il credito d’imposta per gli affitti commerciali. Sospesi i pagamenti Iva per il mese di novembre per i soggetti che esercitano attività economiche sospese dal nuovo Dpcm e per chi dovrà chiudere nelle zone rosse. Cancellata la seconda rata dell’Imu per le imprese che svolgono le attività nelle Regioni con un livello di rischio alto.

Nelle regioni rosse ove è prevista la sospensione delle attività scolastiche nelle II e III classi delle scuole medie viene previsto un bonus baby sitter da 1.000 euro e, nel caso in cui la prestazione di lavoro non possa essere resa in smartworking, il congedo straordinario con il riconoscimento di un’indennità pari al 50% della retribuzione mensile per i genitori lavoratori dipendenti.

Previsto inoltre l’arruolamento a tempo determinato di 100 fra medici e infermieri militari e la conferma fino al 31 dicembre di 300 fra medici e infermieri a potenziamento dell’Inail.
Il fondo per il trasporto pubblico locale è incrementato di 300 milioni di euro per il 2021, 100 dei quali per servizi aggiuntivi destinati anche agli studenti.


Per ulteriori info clicca qui o chiama il 1254