Anche per le vacanze estive 2021 la legge di bilancio prevede l’utilizzo del Bonus Vacanze: vediamo come richiederlo, come funziona e quali sono i requisiti necessari. 

Per il Bonus vacanze 2021 è stata confermata la stessa formula prevista per il Bonus 2020. Possono quindi fare domanda i nuclei familiari con un Isee che non superi i 40 mila euro (il credito è utilizzabile da un solo membro del nucleo familiare).

L’importo del Bonus vacanze 2021, tuttavia, varia a seconda del numero di membri del nucleo familiare. Per le famiglie composte da 3 o più persone, infatti, è previsto il limite massimo riconoscibile di 500 euro; per i nuclei di 2 persone la somma spettante è 300 euro, mentre per le singole persone il bonus è di 150 euro.

La formula del Bonus vacanze 2021 prevede che l’importo debba essere speso in un’unica soluzione e, quindi, presso una sola struttura. L’80% dell’importo ricevuto si può spendere sotto forma di sconto direttamente nella struttura ricettiva, il restante 20% si può scaricare come detrazione di imposta nella dichiarazione dei redditi del componente del nucleo familiare a cui viene intestato il documento di spesa del soggiorno (fattura, documento commerciale, scontrino/ricevuta fiscale).

Come accadeva anche lo scorso anno, il Bonus vacanze 2021 si richiede, e viene erogato, in forma digitale tramite l‘app IO, l’applicazione dei servizi della Pubblica Amministrazione. Per presentare la domanda, quindi, almeno un componente del nucleo familiare deve essere in possesso di un’identità digitale, che può essere sia lo Spid che la carta d’identità elettronica.

L’importo del Bonus vacanza 2021 viene erogato e può essere speso tramite un codice identificativo digitale associato a un QR code da presentare, insieme al codice fiscale, alla struttura ricettiva nella quale si è scelto di soggiornare. L’albergatore, infatti, applica immediatamente lo sconto e riceve automaticamente il rimborso come credito d’imposta.

Fonte: Idealista