Ecco 5 borghi medievali in Italia da visitare appena sarà possibile: un viaggio nel nostro meraviglioso paese da nord a sud.
Il Covid-19 ha messo in discussione tutto quello a cui eravamo abituati. Banalmente la libertà di andare a cena fuori o andare ovunque il nostro cuore desideri e il nostro portafoglio ci permetta. Da un anno a questa parte casa è diventato il nostro mondo. Decisamente meno vasto ed entusiasmante, ma non essendoci molte alternative, ce lo siamo fatti andare bene. 

A un certo punto però, il mondo intero tornerà ad essere la nostra casa e potremo ricominciare ad esplorare paesi esotici, perderci in qualche meravigliosa città d’arte e ricominciare ad inveire contro le compagnie aeree e le loro offerte discutibilmente “vantaggiose”.

Sebbene il futuro in cui potremo prendere un aereo e partire verso mete paradisiache ad oggi è abbastanza lontano, per nostra immensa fortuna, siamo in Italia. E come dicono tutti: l’Italia è un posto bellissimo; oltre il primo in cui avremo effettivamente piena libertà di movimento. 

Per questo, abbiamo selezionato 5 borghi medievali in Italia da visitare appena sarà possibile, nella speranza di poter tornare a viaggiare presto e far risalire il nostro PIL.

Partiamo dal sud. 

  1. Aci Castello, provincia di Catania; SICILIA 

Località balneare tra le più famose e suggestive della Sicilia orientale, Aci Castello mantiene un fascino unico, con le sue acque cristalline che si scagliano sulla costa di pietra lavica, all’ombra del Castello normanno da cui la città prende il nome.
In estate si popola di turisti e siciliani che dalla vicina Catania vi si recano in villeggiatura. Le serate sono sempre vive e movimentate, grazie ai numerosi ristoranti e locali, specializzati nel preparare prelibati piatti a base di pesce.

Incantevole borgo marinaro, Aci Castello è stata da sempre una terra al centro di miti e leggende. Il borgo siciliano, infatti, ispirò le opere del poeta greco Omero: i faraglioni, gli otto scogli che si ergono di fronte alla costa di Acitrezza, sarebbero le pietre lanciate da Polifemo ad Ulisse durante la sua fuga dopo aver accecato il ciclope. Da qui anche il nome di Isole dei Ciclopi, per i faraglioni, e di Riviera dei Ciclopi per il golfo antistante.

  1. Vico del Gargano, provincia di Foggia; PUGLIA 

Siamo in Puglia, in quello che viene chiamato “il paese dell’amore” grazie al patrono San Valentino: Vico del Gargano è un piccolo paese dominato dal Castello e dalla grande cupola della Colleggiata dell’Assunta. Tra stradine strette, viuzze e scalinate nella roccia troviamo il Vicolo del Bacio, la tappa imperdibile degli innamorati. Secondo la leggenda popolare le coppie si davano appuntamento qui per scambiarsi promesse d’amore, una tradizione oggi che è più vivo che mai.
Immerso nella splendida cornice del Parco Nazionale del Gargano è una meta ideale che mette insieme storia, natura, mare e cultura. 

  1. Santa Maria di Castellabate, provincia di Napoli; CAMPANIA 

Un viaggio nello splendido Cilento alla scoperta del borgo di Castellabate e dei dintorni tra Agropoli e Punta Licosa. Terre affascinanti, ricche di storia ma anche di paesaggi incredibili. Meta ideale per rilassarsi e passare alcuni giorni a stretto contatto con la natura, senza rinunciare al mare e alle lunghe camminate rese possibili dai tanti sentieri di trekking presenti nella zona.

  1. Castro dei Volsci, provincia di Frosinone; LAZIO

I borghi nella provincia di Frosinone rappresentano mete ideali per godersi il massimo del relax. Il paesino di Castro dei Volsci e l’area che sorge nei suoi dintorni sono luoghi molto interessanti da visitare durante il viaggio. Il borgo sembra un presepe e la sua vista incanta tutti. Sarà forse la sua collocazione sulla cima di una collina o le sue viuzze strette lastricate e le sue case di pietra ma Castro dei Volsci, il borgo ciociaro, è bellissimo.

  1. Asolo, province di Treviso; VENETO

Asolo è un piccolo gioiello nascosto nella regione Veneto ricco di storia, arte e cultura. 
Per la sua incantevole posizione panoramica tra le colline, Asolo ha sempre richiamato artisti e letterati da tutta Europa. Tra questi Giosuè Carducci, che la definì “la città dai cento orizzonti”. Simbolo di Asolo è la Rocca che domina il paesaggio dalla vetta del Monte Ricco, offrendo una vista spettacolare. Da qui si scorge il centro storico della città: Piazza Garibaldi con la fontana cinquecentesca, il Castello, che ospita oggi il Teatro Duse, e l’antichissima Cattedrale che custodisce al suo interno la bellissima “Assunta” di Lorenzo Lotto. Da visitare anche il Museo Civico, all’interno del quattrocentesco Palazzo della Ragione, la cinquecentesca Villa degli Armeni e la prestigiosa sede del Comune, Palazzo Beltramini. 

Fonte: Buonenotizie.it
Per ulteriori info clicca qui o chiama il 1254